Firenze: tra parchi e giardini.

Chi crede che Firenze sia tra le città meno verdi d’Italia si sbaglia di grosso.cascine

Numerosi giardini e parchi colorano di verde dalle più ricche sfumature questa straordinaria città.
Iniziamo con annoverarne alcuni tra i più conosciuti ma anche tra gli sconosciuti che in questa stagione quasi estiva potranno diventare le mete delle vostre lunghe passeggiate. Continua a leggere

Palazzo Strozzi: un viaggio nell’arte del 900

 

mostra palazzo strozzi Firenze, culla del Rinascimento  e del mecenatismo quattrocentesco,  cambia volto:  dal surrealismo al Action painting,  dall’informale alla pop art.

Palazzo Strozzi, a Firenze, ospiterà dal 19 marzo al 24 luglio una mostra di arte europea e americana tra gli anni 20 e 60 del secolo scorso. oltre 100 opere tra sculture, dipinti, fotografie e incisioni prese in prestito dalla collezione di Guggenhaim di New York e di Venezia e da altri prestigiosi musei internazionali.mostra palazzo strozzi

La mostra, curata da Luca Massimo Barbero, presenterà opere di artisti europei dell’arte moderna come Pablo Picasso, Max Ernst, Emilio Vedova e Lucio Fontana unitamente a sculture e dipinti di artisti di spicco del arte americana degli anni 50 e 60 come Pollock e Lichtsteinten.

 Già nel 1949 Palazzo Strozzi fu la sede d’esposizione della collezione Peggy Guggehenaim, poi collocata definitivamente a Venezia.

Ma Firenze non è solo arte legata al passato. Tutt’oggi la Toscana è culla di artisti che fanno del paesaggio toscano l’unica fonte d’ispirazione o che la cui creatività usa i colori in modo magistrale. La Toscana è  anche eccellenza, oggetti unici e introvabili, per coloro che amano la bellezza espressa attraverso forme  perfette e materiali pregiati come il marmo di Carrara usato dallo stesso Michelangelo per la realizzazione delle sue opere. La Toscana è per chi cerca l’insolito e l’eccellenza. Per visionare la nostra mostra di eccellenze toscane  e per acquistare visita il nostro sito http://www.artetoscana.it.

Corridoio Vasariano: una mostra d’arte nascosta.

L'interno della galleria

L’interno della galleria

Lungo le pareti del corridoio è possibile ammirare la più completa collezione di autoritratti europea. Inoltre vi sono affissi numerosi dipinti di artisti italiani vissuti tra il XVI e XVII secolo quali ad esempio Gattuso e Andrea del Sarto.

In quest’articolo, noi vi proponiamo anche la nostra galleria d’arte. Cliccando qui, potrete accedere, ammirare e acquistare dipinti di arte contemporanea di artisti toscani o che comunque hanno fatto della paesagistica toscana la loro ispirazione come Stefano Giannantonio. Inoltre vi proponiamo opere originali in acrilico create da Giglia Acquaviva. Attraverso l’uso di strumenti insoliti, come sabbia, tubi, spugne , spazzole, ha dato vita ad opere uniche dove l’elemento predominante è il colore.

20160316_172313

Il corridoio Vasariano: una vista panoramica sull’Arno

Le finestre sull'Arno

Le finestre sull’Arno

Una vista panoramica sul fiume Arno verso il ponte Santa Trinità si può ammirare dalle grandi finestre situate sopra l’arco centrale nel mezzo di Ponte Vecchio che si diversificano dai classici oblò rinascimentali.

Gli oblò rinascimentali

Un altro particolare degno di nota è la scenografica vista che dal corridoio si gode all’interno della  chiesa Santa Felicita. Dal corridoio vi si accede attraverso un balcone e da qui i Medici assistevano alla Messa tenendosi distanti dal popolo.

Il corridoio Vasariano

 

Vista dall'alto

Il corridoio Vasariano dall’alto

Il corridoio fu realizzato nel 1565 dall’ architetto Vasari per volere del Granduca Cosimo I de’ Medici in occasione del matrimonio del figlio Francesco I con Giovanna d’Austria.  Fu terminato in soli cinque mesi.
Si tratta di un passaggio sopraelevato lungo un km che collega Palazzo Pitti, allora residenza dei medici, agli uffici dei medici nell’attuale Galleria degli Uffizi.
Attraversa Ponte Vecchio.

 

 

Picasso… Protagonista a Palazzo Strozzi

picassoÈ una mostra da record quella dedicata a Pablo Picasso che si è aperta lo scorso 20 settembre a Firenze a Palazzo Strozzi, superando le 150mila presenze.

La rassegna, che racconta la straordinaria influenza di Picasso sull’arte spagnola, continua a suscitare un grande interesse per la critica e si piazza tra gli eventi espositivi più visitati in Italia.

“Picasso e la modernità spagnola” presenta un’ampia selezione di opere del grande maestro, che permettono di riflettere sulla sua influenza su tutta l’arte del XX secolo mettendolo a confronto con importanti artisti spagnoli come Joan Miró, Salvador Dalí, Juan Gris, Maria Blanchard, Julio González. L’esposizione accoglie circa 90 opere della produzione di Picasso e di altri artisti tra dipinti, sculture, disegni, incisioni e un film di José Val del Omar grazie alla collaborazione tra la Fondazione Palazzo Strozzi e il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid.

Tra le opere esposte sono presenti capolavori assoluti come Testa di donna (1910), Ritratto di Dora Maar (1939), Il pittore e la modella (1963) di Picasso, inoltre Siurana, il sentiero (1917), Figura e uccello nella notte (1945) di Miró, Arlecchino (1927) di Dalí e poi i disegni, le incisioni e i dipinti preparatori di Picasso per il grande capolavoro Guernica (1937), mai esposti in numero così elevato fuori dalla Spagna.

Visto il grande successo, la mostra negli ultimi quattro giorni di apertura (22, 23, 24 e 25 gennaio) sarà eccezionalmente aperta fino alle ore 23 (con chiusura della biglietteria alle ore 22).

Firenze – Il Mercato Centrale di San Lorenzo, locale Glamour del momento…

 mercato centr1Un’oasi gourmand nel cuore della città: 12 botteghe di alcuni dei migliori artigiani italiani, ristorante toscano, enoteca del Chianti, oasi della pizza, cibo da strada.

Tutto questo al primo piano, completamente rinnovato, dello storico mercato di San Lorenzo.

Tremila metri quadri di bontà…

Un progetto ideato dall’imprenditore Umberto Montano, che unisce tradizione e innovazione e infonde nuova vita al Mercato Centrale, nato 140 anni fa sul modello delle Halles parigine, a due passi dalla Basilica di San Lorenzo, dove il primo piano era da anni in disuso. È qui, sopra le edicole della poderosa architettura in ferro e vetro progetta nel 1874 dall’architetto Mengoni (quello della Galleria Vittorio Emanuele di Milano), che da oggi la città ha un nuovo polo del gusto, aperto dalle 10 alle 24: un luogo dove fare la spesa, degustare, pranzare e cenare in tranquillità, ma anche scoprire, imparare, leggere e trasmettere il sapere del cibo. Continua a leggere

Firenze, cornice dei Mercatini di Natale

Sebbene non appartenga ai circuiti tradizionali dei Mercatini di Natale classici, anche la città di Firenze offre iniziative interessanti sia in Piazza Santa Croce, che in centro.

 

p.zza S. CrocePiazza Santa Croce, diventa teatro di un’evento che si ripete per il quattordicesimo anno, un’iniziativa che è divenuta ormai una tradizione per la nostra Firenze.

Il WEIHNACHTSMARKT – mercato di Natale tedesco – dal 3 al 21 dicembre, sempre più apprezzato ed atteso, rappresenta un avvenimento di forte appeal turistico.

Continua a leggere